fbpx

Ramaioli Tridentini

18 giugno 2012

A caccia di Made in Italy di valore, ci siamo imbattuti nella collezione I Ramaioli Tridentini di Segno Italiano (una ‘insegna’ che riunisce alcune eccellenze artigianali rigorosamente italiche). A dispetto dell’evoluzione tecnologica, le pentole e gli stampi in rame, impiegati da oltre 500 anni, sono ancora i migliori per la cottura dei cibi: sia per le prestazioni del materiale sia per le forme, ancora oggi adeguate alla tradizione della nostra cucina regionale. Il rame, grazie alla sua conducibilità termica, consente di cuocere più rapidamente, in modo uniforme e senza bruciare. Ma dev’essere un rame di qualità, del giusto spessore, e la lavorazione dei manufatti dev’essere eseguita a regola d’arte. Esattamente come fanno i ramaioli tridentini che danno il nome alla collezione: ogni pezzo viene costruito a mano, dalle viti dei manici alle martellature, ogni dettaglio è rifinito artigianalmente.

Ramaioli Tridentini Ramaioli Tridentini Ramaioli Tridentini Ramaioli Tridentini Ramaioli Tridentini

Segui Roberta Mutti su , Facebook, Twitter.


Roberta Mutti

Sta a cavallo fra l’Italia, il Belgio e il Sud Est Asiatico, e a volte cade. A chi le chiede di cosa si occupa, risponde: faccio cose, vedo gente. Scrive di “mobiletti” da vent’anni e non si è ancora stancata, nonostante tutto. Tempo libero non ne ha, e nemmeno le interessa. Le basta non dover andare nello stesso ufficio tutti i giorni. Frequenta persone improbabili, e collabora a Klat per questo.


Lascia un commento