fbpx

Porsche Taycan
Temperamento elettrico

25 Novembre 2019

Le auto elettriche sono ancora in minoranza, ma il futuro è già scritto, appartiene a loro. Tutti i costruttori si stanno muovendo in quella direzione. Il primo passo importante lo ha fatto Tesla, che ha mutato radicalmente la percezione di questa tipologia di veicoli: non dei semplici oggetti finalizzati al trasporto, ma mezzi innovativi capaci di dispensare piacere e divertimento. Da lì, la passione per l’elettrico si è spinta molto avanti e ha raggiunto un segmento che fino a qualche anno fa sembrava impossibile da conquistare, quello delle automobili sportive. È il caso di Porsche, che con la Taycan è riuscita a ridefinire il concetto di auto ad alte prestazioni, senza deludere gli appassionati di bielle e pistoni. Lo stile è molto contemporaneo, con una fascia di Led che percorre tutta la sezione posteriore e richiami evidenti alla 911 e alla Panamera. La principale novità stilistica, al di là dei gruppi ottici anteriori, riguarda il profilo di entrambi i cofani: i designer, non dovendo più fare i conti con la presenza ingombrante dei motori a combustione, hanno potuto dare libero sfogo alla creatività e giocare con le linee, rendendole più morbide e arrotondate del consueto. Un po’ coupé e un po’ berlina, la Porsche Taycan è lunga quasi 5 metri e ospita quattro passeggeri. Sebbene il layout sia lo stesso di sempre, gli interni perdono un elemento che ha sempre accompagnato le vetture di Zuffenhausen: il contagiri analogico. È stato sostituito da una sorta di potenziometro, l’indicatore centrale adesso segna quanta energia viene recuperata e quanta potenza viene impiegata. Ogni elemento del quadro è digitale e può essere personalizzato secondo le esigenze di chi guida. La sezione infotainment si attiva da uno schermo touch da 10,9 pollici posizionato al centro della plancia, che può essere replicato – in opzione – anche di fronte al passeggero. Tutto nell’abitacolo e sul cruscotto è adeguato agli standard di una vettura di ultima generazione.

Porsche Taycan

Ma veniamo al cuore della Taycan, il sistema di elettrificazione. Tre le versioni: 4S, Turbo e Turbo S, alimentate da un impianto da 800 volt ed equipaggiate con due motori elettrici, uno per asse, che rendono di fatto la Taycan un’automobile a trazione integrale. La 4S è disponibile con due pacchi batteria differenti: Performance da 79,2 kWh, che sviluppa 390 kW di potenza (530 cv) ed è in grado di garantire 407 km di autonomia, e Performance Plus da 93,4 kWh, che porta la potenza e l’autonomia rispettivamente a 420 kW (571 cv) e 463 km. In tutti e due i casi, l’accelerazione da 0 a 100 km/h è di 4 secondi e la velocità massima è pari a 250 km/h. Per le varianti Turbo e Turbo S, il pacco batterie da 93,4 kWh è fornito di serie: la prima è in grado di erogare fino a 500 kW (680 cv) di potenza, in abbinamento alla funzione Launch Control, mentre la seconda arriva a 560 kW (761 cv). Numeri certamente impressionanti, a cui corrisponde un valore di coppia motrice ancora più rilevante, circa 1050 Nm. Per quanto concerne l’autonomia, la Turbo ha un range dichiarato di 450 km e la Turbo S di 412 km. Le due versioni accelerano da 0 a 100 km/h rispettivamente in 3,2 secondi e 2,8 secondi, mentre la velocità massima è di 260 km/h per entrambe. Lecito domandarsi, dopo un quadro prestazionale così esaltante, quanto tempo sia necessario per ricaricare le batterie: presso le stazioni di ricarica rapida del consorzio Ionity sono necessari 5 minuti per guadagnare 100 km di percorrenza; poco più di 22 minuti, invece, per completare l’80% di rifornimento. Superata l’ansia da ricarica, la Taycan su strada manifesta tutta la verve tipica dei modelli Porsche. Il peso non ne limita in modo eccessivo l’agilità tra le curve, mentre l’accelerazione è l’aspetto che più di tutti lascia senza parole: non è tanto una questione di tempi, è la spinta brutale a fare la differenza. I tre modelli sono già ordinabili in Italia, con consegne a partire dal 2020.

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan

Porsche Taycan


Cesare Cappa

Sognava di diventare collaudatore, e ce l’ha (quasi) fatta: è giornalista e si occupa di motori. Ama le auto, sono la sua ossessione. Ha una laurea in ingegneria meccanica e una passione per la musica jazz. Collabora con Il Sole 24 OreIl MessaggeroAuto e Klat.


Lascia un commento