fbpx

Pasticceria Marchesi
Via Monte Napoleone, Milano

17 novembre 2015

Pochi ma intensi mesi di lavoro hanno trasformato gli spazi dello showroom Venini, in via Monte Napoleone 9, nell’avamposto di Marchesi all’interno del quadrilatero della moda. Si tratta del secondo negozio milanese della storica pasticceria artigianale, parte integrante della città dal 1824, anno in cui Angelo Marchesi aprì la prima piccola sede in un elegante edificio settecentesco di via Santa Maria alla Porta 11/a, in zona Magenta. Nei primi anni del Novecento l’attività si ampliò fino a diventare un vero e proprio bar e, in seguito, un luogo di culto del capoluogo lombardo. Gli interni del nuovo sito sono opera di Roberto Baciocchi, architetto di riferimento di Prada, il brand del lusso che nel marzo 2014 ha rilevato l’80% delle quote di Angelo Giovanni Marchesi, nipote del fondatore, che nel ruolo di amministratore delegato rimane garante degli standard di eccellenza del marchio. Elevato è stato l’impegno a mantenere l’imprinting Marchesi, che ritroviamo nei dettagli e nell’atmosfera: dalla pavimentazione in marmo marrone scuro ai soffitti con travi a vista; dal logo in foglia d’oro sulla facciata e sulle vetrine al bancone con il piano in marmo e le scaffalature in legno di ciliegio e vetro, sormontato da una grande specchiera. L’ambiente è dominato da una sfumatura verde pistacchio, presente nel marmorino della sala vicina all’ingresso, nei tessuti di seta jacquard della saletta interna, nel velluto degli imbottiti e, in una tinta più tenue, nelle 38 vetrinette luminose che ospitano un’offerta ampliata: caramelle, bonbon, cioccolatini e praline, preparati per budino, creme al cioccolato, marmellate, mostarda, tè e caffè in polvere. Tutti i prodotti sono impreziositi da un packaging studiato appositamente per la nuova sede, che nelle sue due salette serve il proprio menù – sette giorni su sette, dalle 7.30 alle 21 – su porcellane Rosenthal accompagnate da posate d’argento Sambonet. Questa apertura rappresenta un passo importante per entrambi gli attori in gioco: Marchesi si assicura sviluppo e continuità, mentre Prada arricchisce il proprio portafoglio con un brand forte ed esportabile del food italiano (come hanno già fatto Pietro Marzotto con la gastronomia di Peck e Bernard Arnault del gruppo Lvmh con il Caffè Cova). Le prossime mosse di questa strategia di espansione sono già state tracciate. Si parte da Milano, dove dal 2016 sarà attiva una nuova pasticceria-ristorante, all’interno dell’edificio in Galleria Vittorio Emanuele II, precedentemente occupato McDonald’s, nel quale è già in funzione lo showroom della linea uomo di Prada. Poi si prevedono nuove aperture in Asia e Medio Oriente: per ora si parla di Dubai, Hong Kong e Tokyo.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Delfino Sisto Legnani.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Delfino Sisto Legnani.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Delfino Sisto Legnani.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Delfino Sisto Legnani.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Delfino Sisto Legnani.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Agostino Osio.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Agostino Osio.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Agostino Osio.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Agostino Osio.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Andrea Frazzetta.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Andrea Frazzetta.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Andrea Frazzetta.

Pasticceria Marchesi, Via Monte Napoleone, Milano.

Foto: Andrea Frazzetta.


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento