fbpx

Jacopo Benassi
Questionnaire

11 febbraio 2013

Nato a La Spezia nel 1970, ha cominciato come meccanico e ora fa il fotografo. Collabora a Rolling Stone, GQ, Wired, Riders, 11 Freunde, Crush Fanzine e con le agenzie BBDO e 1861 United. Nel 2007 partecipa alla mostra Vade Retro. Arte e Omosessualità, da von Gloeden a Pierre et Gilles, curata da Vittorio Sgarbi ed Eugenio Viola, e due anni dopo 1861 United gli pubblica una monografia monumentale, The Ecology of Image, che Jacopo dice di non meritare. Frequenta fiere ed esposizioni internazionali, ma non gli basta, così decide di aprire un club a La Spezia, il Btomic, dove vive e propone musica, drink, food, fanzine e un sacco di sperimentazione. Lo trovate su Instagram. I suoi punti di riferimento sono Sergio Fregoso e Federico Pepe. Jacopo Benassi è un fuoriclasse.

La canzone che non ti stanchi mai di ascoltare.

L’amore di MissQlee.

Il film che non ti stanchi mai di vedere.

Amore tossico di Claudio Caligari. Un film del 1983.

Il libro che ti ha fatto perdere la testa.

Wanted! Storia, tecnica ed estetica della fotografia criminale, segnaletica e giudiziaria di Ando Gilardi.

L’oggetto a cui sei più legato.

Pantofole di pelle vintage e Adidas Adilette.

Il tuo luogo prediletto.

Piazza Brin, La Spezia.

Un film di culto che non sopporti.

Pulp Fiction di Quentin Tarantino.

Un classico della letteratura che non sopporti.

Dovrei prima leggerli…

L’automobile più bella mai realizzata.

Fiat 126.

Il giro del mondo in tre tappe.

Città del Messico, Buenos Aires, New York.

Un artista contemporaneo che ha un futuro assicurato nella storia dell’arte.

Io.

Un progettista a cui affidare la costruzione di un luogo fantastico.

Sempre io.

Uno stilista per una sfilata epocale.

Valentino.

Una persona elegante.

Federico Pepe.

Una persona inelegante.

Tonino Paziente in Tony Pagoda e i suoi amici di Paolo Sorrentino.

A chi consigli di cambiare mestiere?

A tutti i photo editor italiani. Tranne una.

Hai la pessima abitudine di?

Frequentare le chat gay.

Di cosa vorresti abusare?

No comment.

A cosa non puoi rinunciare?

Alle mie pantofole.

Vorresti essere un campione di?

Ping Pong. Anzi, lo sono.

L’hotel e il ristorante che stanno in cima alla tua classifica personale.

Hotel Charly a Milano e Osteria delle Pietre a Vezzano Ligure.

La più grande invenzione di tutti i tempi.

La fotocamera.

Il personaggio storico a cui sei più grato.

Sandro Pertini.


Emanuela Carelli

Fa funzionare Klat, dopo averlo fondato insieme a Paolo. Ha due figli, è graphic designer, ama le sperimentazioni culinarie ed è ragionevolmente certa di una cosa: è la creatività a far girare il mondo.


Lascia un commento