fbpx

Formafantasma

18 marzo 2014

Andrea Trimarchi (1983) e Simone Farresin (1980) sono i Formafantasma. Lo studio, che ha sede a Eindhoven, in Olanda, esplora il ruolo del design nell’artigianato popolare, il legame fra tradizione e costume locale, l’approccio critico alla sostenibilità e il valore degli oggetti in quanto vettori culturali. Nel 2011 Alice Rawsthorn, critica del New York Times, e Paola Antonelli, curatrice del MoMA, hanno inserito Trimarchi e Farresin tra i venti giovani designer più promettenti a livello internazionale. I loro lavori sono presenti in alcune tra le più importanti collezioni di design al mondo: Victoria and Albert Museum e Libby Sellers Gallery, a Londra; Spazio Rossana Orlandi e Dilmos, a Milano; Moss Gallery di New York, Mudac di Losanna, Art Institute di Chicago e Vitra Design Museum di Weil am Rhein, in Germania.

La canzone che non ti stanchi mai di ascoltare.

Andrea Trimarchi Strade parallele di Franco Battiato e Giuni Russo.
Simone Farresin Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno.

Il film che non ti stanchi mai di vedere.

ATRespiro di Emanuele Crialese.
SFIl castello errante di Howl di Hayao Miyazaki.

Il libro che ti ha fatto perdere la testa.

ATQuando Teresa si arrabbiò con Dio di Alejandro Jodorowsky.
SFQuerelle de Brest di Jean Genet.

L’oggetto a cui sei più legato.

AT, SFNessuno.

Il tuo luogo prediletto.

AT, SFLa tonnara di Scopello.

Un film di culto che non sopporti.

AT, SFTutti quelli di Woody Allen.

Un classico della letteratura che non sopporti.

AT, SFI promessi sposi di Alessandro Manzoni.

L’automobile più bella mai realizzata.

ATFiat 126.
SFFiat Panda.

Il giro del mondo in tre tappe.

ATRoma, Shanghai, Machu Picchu.
SFVenezia, Londra, Mumbai.

Un artista contemporaneo che ha un futuro assicurato nella storia dell’arte.

AT, SFPierre Huyghe.

Un progettista a cui affidare la costruzione di un luogo fantastico.

AT, SFTheo Jansen.

Uno stilista per una sfilata epocale.

ATAlexander Mc Queen.
SFIris van Herpen.

Un artista che ritieni sopravvalutato.

AT, SFJeff Koons.

Uno stilista che ritieni sopravvalutato.

AT, SFKarl Lagerfeld.

Un architetto o designer che ritieni sopravvalutato.

AT, SFKarim Rashid.

Una persona elegante.

AT, SFAdolf Loos.

Una persona inelegante.

ATAlessandra Mussolini.
SFDaniela Santanchè.

A chi consigli di cambiare mestiere?

ATAd Alessandra Mussolini.
SFA Daniela Santanchè.

Hai la pessima abitudine di?

ATControllare sempre le mail.
SFMettere in discussione i progetti fino all’ultimo secondo.

Di cosa vorresti abusare?

ATPatate fritte.
SFBignè con la panna.

A cosa non puoi rinunciare?

AT, SFA un mese di vacanza ad agosto.

Vorresti essere un campione di?

ATNuoto libero.
SFVolo libero.

L’hotel e il ristorante che stanno in cima alla tua classifica personale.

AT, SFHotel de l’Orient a Pondicherry, in India, e St. John Restaurant a Londra (a pranzo).

La più grande invenzione di tutti i tempi.

ATL’elettricità.
SFLa lavastoviglie.

Il personaggio storico a cui sei più grato.

AT, SFNikola Tesla.

Studio Formafantasma, 2010. Photo & courtesy: Studio Formafantasma

Studio Formafantasma, 2010. Foto & courtesy: Studio Formafantasma.

Studio Formafantasma, Autarchy, 2010. Photo & courtesy: Studio Formafantasma

Studio Formafantasma, Autarchy, 2010. Foto & courtesy: Studio Formafantasma.

Studio Formafantasma, Moulding Tradition, 2009.

Studio Formafantasma, Moulding Tradition, 2009. Courtesy: Studio Formafantasma. Foto: Luisa Zanzani

Studio Formafantasma, Charcoal, 2012. Courtesy: Vitra Design Museum.

Studio Formafantasma, Charcoal, 2012. Courtesy: Vitra Design Museum.

Studio Formafantasma, Craftica, per/for Fendi, 2012.

Studio Formafantasma, Craftica, per Fendi, 2012.

Studio Formafantasma, Craftica, per/for Fendi, 2012.

Studio Formafantasma, Craftica, per Fendi, 2012.

Studio Formafantasma, Turkish Red, per/for Textiel Museum Tilburg, 2013.

Studio Formafantasma, Turkish Red, per Textiel Museum Tilburg, 2013.

Studio Formafantasma, Turkish Red, per/for Textiel Museum Tilburg, 2013.

Studio Formafantasma, Turkish Red, per Textiel Museum Tilburg, 2013.


Emanuela Carelli

Fa funzionare Klat, dopo averlo fondato insieme a Paolo. Ha due figli, è graphic designer, ama le sperimentazioni culinarie ed è ragionevolmente certa di una cosa: è la creatività a far girare il mondo.


Lascia un commento