fbpx

Il ritorno di Junkers F13
Rimowa

22 Dicembre 2015

Junkers F13 torna a solcare i cieli. Il primo aereo metallico a uso civile inaugura un nuovo capitolo della sua storia grazie alla volontà di Rimowa, azienda con oltre 115 anni di esperienza nel campo della valigeria. Messo a punto nel 1919 dall’ingegnere e imprenditore tedesco Hugo Junkers, prodotto in 330 unità fino al 1933 e utilizzato anche dai servizi postali americani, il velivolo s’impose grazie a una sintesi riuscita di tecnologia e design all’avanguardia. Quasi venti anni dopo, nel 1937, il connazionale Richard Morszeck realizzava le prime valige con il marchio Rimowa in duralluminio ondulato, lo stesso materiale che rivestiva l’aereo, dando vita a un oggetto diventato in seguito un classico della valigeria. Le famiglie Junkers e Morszeck, oltre ad appartenere alla stessa regione, la Renania, condividono da sempre la passione per l’aeronautica. Una passione che ha spinto l’erede Dieter Morszeck, pilota e general manager dell’azienda, a far sfrecciare nuovamente il classico dell’aviazione nei cieli. Sono stati necessari oltre 15 mesi di lavoro per ricreare una replica dell’originale, ma oggi il nuovo F13 è tornato a volare: lungo appena 10 metri, con un’apertura alare di 15 e un peso di due tonnellate, l’apparecchio può toccare i 170 chilometri orari, con un’autonomia di 600 chilometri. E per gli appassionati è possibile preordinarne un’esemplare sul sito dell’azienda tedesca.

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13

Junkers F13


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento