fbpx

Fuorisalone, Atelier Clerici
RAM House, Space Caviar

18 aprile 2015

Viviamo nell’era degli elettrodomestici senzienti e delle comunicazioni basate sui segnali. Il nostro mondo è sempre più imbrigliato in una rete di informazioni utilissima, questo è certo – gestita tramite apparecchi intelligenti che sanno monitorare l’ambiente –, ma anche ad alto tasso elettromagnetico. È da queste considerazioni che si è mosso il progetto RAM House di Space Caviar, prodotto dalla società italiana Prokoss-Mobilrot: un prototipo sviluppato su due livelli e installato nei giorni della Design Week nel cortile di Palazzo Clerici 5 a Milano, all’interno dell’evento Atelier Clerici. Al di là delle considerazioni legate ai possibili effetti nocivi dei campi elettromagnetici – che non sono ancora stati stimati con precisione – quello che interessa lo studio genovese di Joseph Grima e Tamar Shafrir è il cambiamento che si genera nel ruolo dell’involucro domestico: la casa non è più uno scudo che ci protegge dallo sguardo esterno, ma è un’entità che ci osserva dal suo interno. Con la RAM House si vuole ribaltare questa logica e consentire di riacquistare il controllo del nostro spazio e della nostra vita: pannelli di Radar-Absorbent Material (RAM) e gabbie di Faraday impediscono ai segnali di entrare e uscire. La casa-capanna di Space Caviar è costruita con moduli che destrutturano la tradizionale divisione degli spazi: il livello superiore è pensato per dormire, quello inferiore raccoglie le funzioni domestiche in scaffali e archivi che si aprono o chiudono in base alle necessità. Da Milano, verrà spostata a Genova, nel cortile del Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce. Sarà visitabile da giugno.

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar

Fuorisalone, Atelier Clerici - RAM House, Space Caviar


Paolo Priolo

Dirige Klat dal 2009, l’anno in cui lo ha fondato insieme a Emanuela, assecondando il proprio interesse per l’informazione, il design e le buone idee. Perfezionista, ama lo sci, le piscine, le digressioni e l’alta risoluzione. Ha una certezza, la stessa di John Keats: “Bellezza è verità, verità è bellezza”.


Lascia un commento