fbpx

McLaren GT
Comfort e sportività

4 Settembre 2019

Nell’universo delle supercar il concetto di comfort è relativo, e a prevalere è perlopiù l’esperienza corsaiola. Performance e comodità non viaggiano quasi mai di pari passo, sebbene ci siano esempi di automobili in grado di farlo. Probabilmente, l’auto sportiva che più di tutte riesce ad armonizzare comfort e prestazioni è la Porsche 911, ma le cose potrebbero cambiare. A impensierire l’iconica vettura tedesca ci pensa la britannica McLaren GT, la Gran Turismo, presentata qualche mese fa e sul mercato alla fine di quest’anno. Il motore V8 di 4 litri, doppiamente sovralimentato, evoluzione in chiave “turistica” del propulsore M840TE già presente in modelli come la 720 S, assicura prestazioni da supercar, con una potenza di 620 cavalli a 7500 giri/min. La GT è in grado di passare da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi e da 0 a 200 km/h in 9 secondi netti, mentre la velocità massima è pari a 326 km/h. La coppia di 630 Nm viene elaborata tra i 5.500 giri/min e i 6.500 giri/min, con oltre il 95% di questa disponibile a partire da 3.000 giri/min: un’erogazione fluida che conferma la volontà di rendere confortevole la vettura, evitando il ricorso frequente alla trasmissione SSG a 7 velocità, a meno che non si voglia spremere la GT in pista. Anche gli spazi sono quelli di una supersportiva che non rinuncia alla comodità, a partire dal bagagliaio “doppio”: sul retro è stato creato un vano di carico da 420 litri, sufficientemente ampio da ospitare una sacca da golf, mentre nella parte anteriore troviamo ulteriori 150 litri, per un valore complessivo di 570 litri, praticamente il volume di una station wagon di fascia media. Lo spazio fra asfalto e sottoscocca è di 110 mm (130 mm quando la vettura è sollevata con la funzione lift), quel che serve per affrontare l’asfalto quotidiano senza particolari problemi. Più alta rispetto alle McLaren della famiglia Sport Series (600 LT, 570 S, 540 C), la GT possiede anche un comparto sospensioni più morbido e gli ammortizzatori a controllo elettronico (Proactive Dampin Control), che cambiano in base alla situazione di marcia. Per la prima volta su una McLaren, il piacere di guida si misura anche sotto il profilo dell’infotainment, con un sistema multimediale profondamente aggiornato rispetto ai modelli precedenti. Punto di contatto tra vettura e passeggeri è lo schermo touch da 7 pollici al centro della plancia, mentre il quadro strumenti, sempre digitale, vanta una diagonale da 12,3 pollici. Il sistema utilizza per la navigazione satellitare le mappe di Here, oltre ad aggiornamenti live sul traffico. Gli interni prevedono un’ampia gamma di personalizzazioni: dalla selleria in pelle pregiata ai rivestimenti in cashmere. La GT si può già ordinare e le prime consegne avverranno alla fine dell’anno. Il prezzo di listino per il mercato italiano parte da 203.000 euro.

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT

McLaren GT


Cesare Cappa

Sognava di diventare collaudatore, e ce l’ha (quasi) fatta: è giornalista e si occupa di motori. Ama le auto, sono la sua ossessione. Ha una laurea in ingegneria meccanica e una passione per la musica jazz. Collabora con Il Sole 24 OreIl MessaggeroAuto e Klat.


Lascia un commento