fbpx

Voyageur du Temps
Los Altos, California

4 Maggio 2015

Il panificio, caffè e pasticceria Voyageur du Temps nasce dalle ceneri di una vecchia stazione ferroviaria a Los Altos, in California, nella contea di Santa Clara. Una trasformazione più che riuscita, che ha visto la luce grazie all’imprenditore americano Rie Rubin, con l’aiuto di Character, studio creativo di base a San Francisco. Voyageur du Temps, in francese viaggiatore del tempo, preserva i valori dell’antica arte della panificazione rinnovandone lo spirito, soprattutto grazie all’operazione di branding curata da Character, a cui sono stati affidati il design e l’immagine coordinata. Sito, packaging, segnaletica interna ed esterna, menu, merchandise e divise del personale sono frutto di una ricerca il cui risultato tiene insieme classico e contemporaneo, rustico e raffinato, riflettendo perfettamente la natura del luogo. Un dettaglio interessante del processo creativo è il logo, ispirato al numero 5 in romano dell’orologio di una ferrovia francese: una soluzione che evoca il nome del locale e la sua origine. Da Voyager du Temps è possibile acquistare pane fresco, crepes con frutta fresca, sorseggiare un buon caffè con un dolce artigianale e deliziarsi con leccornie di ogni genere.

Voyageur du Temps, Los Altos, California.

Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California. Voyageur du Temps, Los Altos, California.


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento