Southern Wind 105 Kiboko III
Velocità, sicurezza, eleganza

23 ottobre 2018

Velocità, sicurezza, eleganza. Il nuovo Southern Wind 105, Kiboko III, è un mix riuscito di queste tre caratteristiche. Realizzato per un armatore “fedelissimo” – questa è la sua terza barca commissionata al mitico cantiere di Città del Capo, fondato dal compianto Willy Persico – è stato progettato da Farr Yacht Design per quanto riguarda l’architettura navale e in collaborazione con Nauta Yachts Design: lo studio milanese si è occupato di coperta e layout interno. Lungo 32,27 metri e largo 7,31, Kiboko (che in swahili kenyota significa “ippopotamo”) pesa 69 tonnellate: pochissimo per uno yacht della sua stazza. Il committente voleva infatti un mezzo affidabile per le navigazioni con la sua numerosa famiglia e allo stesso tempo il più performante possibile, perché i suoi piani futuri prevedono numerose partecipazioni alle regate in giro per mondo. Una bella sfida per Bruce Farr: “Ogni scelta progettuale è mirata alla riduzione del peso”, racconta il progettista. “Lo scafo, il ponte e la struttura interna sono costruiti interamente in carbonio composito, con attrezzatura in titanio”. La chiglia è stata pensata fissa, profonda ben 4,5 metri, ma più leggera rispetto a una sollevabile o telescopica. Con questa soluzione è aumentata la superficie velica a disposizione e si è liberato spazio nel salone sottocoperta, altrimenti ingombrato dai macchinari di movimentazione della chiglia stessa. Nauta è riuscita nell’impresa di disegnare una coperta su un unico livello, mantenendo il bordo libero basso sull’acqua. Le linee dello scafo risultano così pulite e filanti, rendendo la barca un piacere per gli occhi in navigazione: grazie all’utilizzo di sistemi manovra automatici, è possibile condurre Kiboko III in equipaggio ridotto, se non quasi da soli. Facilmente raggiunge i 15 nodi di velocità, merito di un piano velico ben studiato. La doppia timoneria, oltre ad aumentare lo spazio vivibile in pozzetto, fa sì che a poppa si trovi un garage-magazzino dove è possibile alloggiare un tender di 4,3 metri. Sottocoperta, il salone principale è un trionfo di luce grazie ai numerosi oblò e alle finestrature: molto interessante e di design la chiusura della tuga, scorrevole in vetro. Un ampio studio convertibile con TV separa perfettamente il salone principale dall’area privata dell’owner. L’armatoriale è a prua e tre comode cabine ospiti con bagno privato sono state realizzate a metà barca per offrire privacy e comfort. La sala macchine è “nascosta” sotto al salone, ma è perfettamente accessibile dalla zona equipaggio, situata a poppa. I mobili comunicano un’atmosfera domestica: sono in rovere, abbinati a un rivestimento azzurro e bianco, tipico dello stile di Maiorca. “Show, do not hide” (mostrare, non nascondere) è stato il motto che ha guidato il design degli interni, dove, spiega Massimo Gino di Nauta, “gli arredi hanno permesso di mostrare la vera forma dello yacht e di mettere in evidenza alcuni elementi della sua costruzione. Abbiamo alleggerito e semplificato i mobili interni, lasciando esposte le fiancate dello scafo e le paratie”.

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III

Southern Wind 105 Kiboko III


Eugenio Ruocco

Da bambino voleva fare il giornalista. Poi ha conosciuto la vela (prima da regatante, poi da istruttore e infine da crocierista), ed è stato amore a prima vista. Ha deciso così di unire le due passioni. Da anni lavora per il Giornale della Vela e, da poco, anche per la rivista Barche a Motore. Quando non è su una barca, suona la batteria, cucina e va in cerca di funghi.


Lascia un commento