fbpx

Molteni Museum
Giussano

12 Febbraio 2016

Gli interessi di un’azienda sembrano lontani da quelli di un museo. Eppure, quando si tratta di design, la documentazione e la divulgazione della storia di un marchio contribuiscono ad arricchirne l’identità e il valore. L’attività principale resta ovviamente la produzione, ma la rilettura e la rappresentazione dei prodotti di un’impresa diventano un modo per supportarne il posizionamento. Ecco perché i brand più importanti del design decidono di costruire un museo aziendale. È il caso del gruppo Molteni, che, dopo la mostra ospitata alla GAM di Milano lo scorso anno, in occasione degli 80 anni di vita, ha inaugurato il Molteni Museum, esposizione permanente allestita presso la sede di Giussano, in Brianza, all’ultimo piano di un fabbricato industriale ristrutturato prima da Aldo Rossi e Luca Meda, e poi da Studio Cerri & Associati. Finestre a nastro e pavimento in resina grigia accolgono i candidi espositori disegnati da Jasper Morrison, contenenti 48 prodotti simbolo del brand, ma anche delle altre aziende del gruppo, con l’ufficio di Unifor, i mobili di Citterio e un elemento riassuntivo dei meccanismi delle cucine Dada. Alle pareti vi sono tavole esplicative e lungo il percorso si affacciano alcuni totem digitali con informazioni dettagliate. La visita vale un viaggio in Brianza, anche perché al museo, parte dell’associazione Museimpresa per la valorizzazione del patrimonio industriale italiano, si affianca il Molteni Archive: collocato in una piccola casa colonica, è anch’esso visitabile e raccoglie al momento 4500 documenti ancora in fase di digitalizzazione: si va dalla pubblicità agli articoli di giornali, dai prototipi fino alle interviste video, con highlights di Aldo Rossi, Luca Meda e dello storico studio Unimark. Nell’insieme l’operazione rivela analogie con il Campus di Vitra – distribuita in Italia dalla stessa Molteni – già a partire dal nome: Molteni Compound. Nell’area sono infatti presenti più edifici visitabili a firma di noti progettisti, come il padiglione Glass Cube di Ron Gilad, lo spazio QallaM di Patricia Urquiola e la Factory, zona produttiva vera e propria. All’ingresso si è accolti da una gigantesca sedia di Aldo Rossi e dal tavolo Arc di Foster + Partners. Facilita il percorso l’immagine coordinata di Studio Cerri & Associati, mentre una grande M, affiancata da una lettera più piccola e in elevazione che varia da edificio a edificio, indica al visitatore dove si trova.

Molteni Museum

Molteni Museum - Giussano

Molteni Museum - Giussano

Molteni Museum - Giussano

Molteni Museum - Giussano

Molteni Museum - Giussano

Salone del Mobile, 1961. Press conference.

Salone del Mobile, 1961. Press conference.

Angelo Molteni, 1972.

Angelo Molteni, 1972.

Giuseppina e Angelo Molteni, 1941.

Giuseppina e Angelo Molteni, 1941.



Lascia un commento