fbpx

Louise Schouwenberg
Reproducing Scholten & Baijings

29 gennaio 2016

Un buon designer lavora sempre sul confine tra prodotto industriale e progetto sperimentale, senza snaturare la propria ricerca né rifiutare il confronto con il mercato. Lo sanno bene gli olandesi Stefan Scholten e Carole Baijings, formatisi alla mitica Design Academy di Eindhoven – un’eccellenza nella didattica che ha sfornato talenti come Hella Jongerius, Tord Boontje, Marcel Wanders o Gijs Bakker, il fondatore di Droog. I quindici anni di sinergia del duo vengono celebrati nel volume Reproducing Scholten & Baijings, arricchito da un bel testo introduttivo della studiosa Louise Schouwenberg, che ne ripercorre il percorso professionale: dal confronto tra produzione in serie e artigianato alle loro idee sul futuro del design. La parte più densa della monografia è quella dedicata a una selezione di sette progetti, tutti documentati da una gran varietà di disegni, schizzi, prototipi e campioni colore provenienti dal loro archivio personale. Il concept grafico è stato pensato da Joost Grootens per entrare in simbiosi con lo stile della coppia: dalla sovraccoperta forata, che richiama il loro lavoro per Mini, agli inserti di carta speciale tra ogni capitolo, ognuno con texture, grammatura e grafica propri. Le pagine finali antologiche chiudono questo lungo e magnifico viaggio nel mondo di Scholten & Baijings. Pubblicato da Phaidon.

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings

Reproducing Scholten & Baijings


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento