Italo Lupi
Autobiografia grafica
Library #015

Autobiografia grafica di Italo Lupi assomiglia a una grande casa della memoria, incantata e vivace. Il lettore è invitato a entrare e a muoversi liberamente, girovagando fra i progetti, per guardarli da vicino e lasciarsi sorprendere dai dettagli di una produzione visiva sterminata. Il libro, curato da Lupi stesso, è un inno alla gioia del progettare. Lo sguardo è ludico, brillante e sovversivo. I lavori sono presentati in ordine sparso e sfuggono la cronologia per seguire i fili del pensiero. Le uniche coordinate certe sono l'inizio (i poster realizzati durante gli anni del liceo) e la fine (una concisa nota biografica). Per il resto, il volume è l'inventario di una vita spesa a raccontare per immagini le sfide più disparate: dalle collaborazioni storiche con Rinascente o IBM, agli interventi per organizzare visivamente Torino in occasione delle Olimpiadi invernali, alla art direction di Domus e alla direzione di Abitare. In questo lungo excursus esistenziale, i ricordi si stratificano dando vita a una lezione sullo sguardo e la sua leggerezza. Dote rara, che lo apparenta in un lampo a maestri e compagni d'avventura come Calvino e Munari. Pubblicato da Corraini.

/

Italo Lupi’s Autobiografia grafica (“Graphic Autobiography”) resembles a great, enchanted and vivid house of memories. Readers are invited to enter and move around freely, wandering among the designs to look at them from close-up and letting themselves be surprised by the details of an endless visual production. The book, edited by Lupi himself, is a paean to the joy of designing. His gaze is playful, sophisticated and subversive. The works are presented in no particular order, ignoring chronology in order to follow trains of thought. The only fixed coordinates are the beginning (the posters created during his high-school years) and the end (a concise biographical note). For the rest, the volume is the inventory of a life spent taking on the most disparate challenges in the realm of images: from his memorable collaborations with La Rinascente or IBM to his work on organizing Turin visually for the Winter Olympics and his roles as artistic director of Domus and editor of Abitare. The memories laid down on this long existential journey offer us a lesson on the gaze and its lightness. A rare gift, and one that leads us to place him straightaway in the company of masters like Calvino and Munari. Published by Corraini.

Anna Lagorio

Klat_San_Siro
Riapertura dello stadio di San Siro: manifesto per la mostra allo Spazio Ansaldo di Milano, 1990. / Re-opening of San Siro Stadium: poster for the Ansaldo Space in Milan, 1990.

Per Domus Academy catalogo e poster della mostra “Moda Italia” a New York. Design di Italo Lupi.
Per Domus Academy. Catalogo e poster della mostra “Moda Italia” a New York, 1988. / For Domus Academy. Catalogue and poster for the exhibition “Moda Italia” in New York, 1988.

Klat_Triennale_Museo_in_progress
Triennale, nuovo simbolo. Manifesto disegnato con Alberto Marangoni, 1985. / Triennale, new symbol. Poster designed with Alberto Marangoni, 1985.

Klat_Vespa_50_Anni
Vespa, poster per i cinquant'anni, 1996. / Vespa, 50th anniversary poster, 1996.

Klat_Prada_cataloghi_silhouette
Prada, catalogo, 1989-1990. / Prada, catalogue, 1989-1990.

Klat_Domus_Torta_con_omini
Domus, schizzi, 1986-1992. / Domus, sketches, 1986-1992.

Klat_Domus_Schizzo_schiena_tatuata
Domus, schizzi, 1986-1992. / Domus, sketches, 1986-1992.

Klat_Domus_Schizzo_ombre
Domus, schizzi, 1986-1992. / Domus, sketches, 1986-1992.

Klat_Domus_Case_e_casette_sul_Po
Domus, schizzi, 1986-1992. / Domus, sketches, 1986-1992.

305-A
Abitare, n. 305, 1992.

Klat_Abitare_474
Abitare, n. 474, 2007.

Compasso d'oro, pittura tipografica, di Italo Lupi
Mostra del compasso d'oro ADI, Milano, 1970. Progetto con Roberto Lucci. / Compasso d'Oro Exibition, Milan, 1970. Project with Roberto Lucci.

Autobiografia_grafica_copertina

19 March 2014 / 1 comment
From Klat by Anna Lagorio in Design, Library

Iscriviti alla newsletter di Klat.
Dal 2009, un vivace punto di osservazione sulla creatività: design, architettura, arte contemporanea, fotografia.

TWITTER
FACEBOOK