fbpx

Tavolini Torei, Cassina
Luca Nichetto

26 giugno 2014

Il Bento Box è l’oggetto che forse più di ogni altro incarna la più importante delle lezioni del design giapponese: la concentrazione del maggior numero di funzioni in uno spazio limitato. Si tratta del celebre vassoio-scatola nel quale i giapponesi consumano i loro pasti, notoriamente composti da piccole porzioni di molte pietanze diverse. Dalla tecnologia all’arredo, il senso nipponico per le cose passa da questo archetipo. Luca Nichetto sembra averne colto pienamente l’essenza, trasferendola nella serie di tavolini Torei (“vassoio”, in lingua originale). I piani, infatti, non sono lisci, bensì scavati nel massello laminato nero, rosso scuro, frassino naturale o in marmo, proprio come un vassoio chiamato a contenere gli oggetti e non solo a sostenerli. Tanto forte è il segno della superficie bordata, quanto esile quello della struttura metallica che la sostiene. L’idea suggerisce funzionalità, ma anche leggerezza di movimento e, soprattutto, possibilità di aggregazione. Perché i Torei sono un po’ come le ciliegie: uno tira l’altro, e non se ne ha mai abbastanza. Produzione: Cassina.

Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina. Tavolini Torei, design di Luca Nichetto per Cassina.


Domitilla Dardi

Indecisa tra la storia dell’arte e quella dell’architettura, incontra alla fine del secolo scorso il design e da allora non lo molla più. Ama avere a che fare con tutto ciò che prevede l’uso di ingredienti, la loro scelta, miscelazione, trasformazione: dalla scrittura alla cucina, dalla maglia al progetto, dai profumi ai colori. È curatore per il design al MAXXI e docente di Storia del Design allo IED.


Lascia un commento