fbpx

Solo Surfboards
Luca Bressan

14 luglio 2014

Ci hanno insegnato che un tempo anche le Dolomiti erano ricoperte dal Mar Mediterraneo, prova ne sono i reperti fossili e le conchiglie rinvenibili in quota. Forse per questa ragione anche in Valdobbiadene c’è chi ha sempre sognato di surfare sulle onde del mare. Si chiama Luca Bressan e ha fondato tra le montagne venete la Solo Surfboards, una piccola azienda autogestita per la fabbricazione artigianale di tavole da surf da onda. L’idea è quella di usare unicamente materiali naturali, quindi niente vetroresina e colle artificiali, solo legno e cere. La sfida, oltre che nello sforzo di visione, è anche fisica: per anni Bressan ha condotto una battaglia contro il peso del legno, per alleggerire una materia prima che di certo non parte favorita nelle prestazioni rispetto alle “sorelle” plastiche, e ha ottenuto un risultato grandioso. Assecondando le fibre con la determinazione di un ebanista del terzo millennio e utilizzando ogni legge fluidodinamica, il designer veneto costruisce oggetti che sfruttano le millenarie conoscenze su questo straordinario materiale unendole alle più moderne tecnologie. E come in ogni favola che si rispetti, il lieto fine è d’obbligo: dagli abeti della montagna fino a scivolare sulle onde è un attimo, se a sostenerti è la passione.

Photo: Marco Mucig.

Foto: Marco Mucig.

Solo Surfboards di Luca Bressan Solo Surfboards di Luca Bressan Solo Surfboards di Luca Bressan

Photo: Marco Mucig.

Foto: Marco Mucig.

Photo: Marco Mucig.

Foto: Marco Mucig.

Photo: Marco Mucig.

Foto: Marco Mucig.

Solo Surfboards di Luca Bressan Solo Surfboards di Luca Bressan


Domitilla Dardi

Indecisa tra la storia dell’arte e quella dell’architettura, incontra alla fine del secolo scorso il design e da allora non lo molla più. Ama avere a che fare con tutto ciò che prevede l’uso di ingredienti, la loro scelta, miscelazione, trasformazione: dalla scrittura alla cucina, dalla maglia al progetto, dai profumi ai colori. È curatore per il design al MAXXI e docente di Storia del Design allo IED.


Lascia un commento