fbpx

Kartell: the Culture of Plastics

10 Gennaio 2013

Oggi che la plastica viene guardata con sospetto, vale la pena ricordare che c’è stato un tempo in cui veniva considerata il materiale su cui investire per il futuro, e che ha trasformato il nostro rapporto con gli oggetti di uso quotidiano. Tra gli artefici della sua storia fortunata c’è sicuramente Kartell, l’azienda italiana che ha contribuito a cambiare la storia dell’arredamento, introducendo la plastica in tutti gli ambienti della casa. Fondata da Giulio Castelli nel 1949, anche oggi che il legno e il vetro stanno riguadagnando terreno, Kartell mantiene ben salda la sua posizione di leader nell’arredo di design made in Italy. Il libro Kartell: the Culture of Plastics (Taschen) ripercorre la storia dell’azienda, dalla nascita alla guida di Claudio Luti, presidente degli ultimi vent’anni.

va_kartell

Un angolo espositivo dello stand Kartell al Salone del Mobile nel 2009 (Milano). Due robot presentano la nuova sedia Masters. / Decoration panel at the Kartell booth, Salone del Mobile, Milan, 2009. Two androids introduce the new chair Masters.

Un angolo espositivo dello stand Kartell al Salone del Mobile nel 2009 (Milano). Due robot presentano la nuova sedia Masters.

Waste-paper bin 4745/4751, design di/by Angelo Cortesi e/and Franco Scansetti, 1989.

Waste-paper bin 4745/4751, design di Angelo Cortesi e Franco Scansetti, 1989.

Campagna pubblcitaria / Advertising campaign, 1967.

Campagna pubblicitaria, 1967.

Claudio Luti e i suoi figli Federico e Lorenza. / Claudio Luti and his children Federico and Lorenza.

Claudio Luti e i suoi figli Federico e Lorenza. Foto: Fabrizio Carnelutti for Gente, 2008.

Segui Roberta Mutti su , Facebook, Twitter.


Roberta Mutti

Sta a cavallo fra l’Italia, il Belgio e il Sud Est Asiatico, e a volte cade. A chi le chiede di cosa si occupa, risponde: faccio cose, vedo gente. Scrive di “mobiletti” da vent’anni e non si è ancora stancata, nonostante tutto. Tempo libero non ne ha, e nemmeno le interessa. Le basta non dover andare nello stesso ufficio tutti i giorni. Frequenta persone improbabili, e collabora a Klat per questo.


Lascia un commento