fbpx

Laboratorio Paravicini
Milano

6 Ottobre 2015

Nel cortile di un palazzo del centro storico di Milano, in via Nerino 8, a pochi passi dalla vivace e commerciale via Torino, ha sede il laboratorio ceramico Paravicini. Un mondo a sé: qui, da circa 20 anni, Costanza Paravicini dipinge a mano decorazioni e studia disegni, da eseguire con serigrafia, per ornare piatti in ceramica sottile. Lavorazioni artigianali oggi rare, per i costi, l’abilità e l’impegno richiesti, che permettono, in un mondo sempre più omologato anche nell’offerta dei prodotti, di ottenere servizi unici e personalizzati, su commissione. Il lavoro è complesso. Le sagome stesse dei piatti – nelle varie versioni: fondo, piano, da frutta, da portata, sottopiatto – sono state progettate dalla manifattura e vengono realizzate attraverso propri stampi. Dalla scelta della forma del servizio si passa a quella dell’ornamento, che viene eseguito sul piatto in biscotto, ovvero cotto una prima volta a 900-950 gradi e successivamente immerso in un bagno di cristallina per cuocere nuovamente a 900 gradi. Per chi sceglie l’oro è poi necessaria una terza cottura, cosiddetta terzo fuoco, che fa salire il costo non solo per il metallo prezioso. Indipendentemente dall’esecuzione del fregio – pennellato a mano, con posizionamento di decalcomania per la stampa serigrafica, o preparato per la stampa digitale –, il punto di partenza è sempre un primo disegno manuale con decoro sotto smalto. È questo fattore a conferire il carattere di lieve imperfezione, quasi una sbavatura, che è di particolare charme, oltre a far sì che i motivi e i colori atossici e indelebili non patiscano in lavastoviglie o al taglio del coltello. Quali sono i motivi? Si va dai semplici monogrammi, agli stemmi di famiglia, temi floreali e disegni di varia ispirazione: Asia, auto d’epoca, animali, segni zodiacali, righe, figure astratte o contemporanee. Si può aggiungere anche un colore per lo sfondo. Tra i clienti del laboratorio vi sono coppie giovani e non, persone con la passione per la tavola e la mise en place, collezionisti e decoratori, italiani e stranieri. Affiancata recentemente dalla figlia, per quanto riguarda produzione, immagine e comunicazione, Costanza Paravicini dovrà in futuro scegliere se azzardare, o meno, il cambio di scala, offrendo più collezioni in parallelo ai servizi su commissione – come quella presentata lo scorso aprile dedicata al pittore Vittore Frattini.

Laboratorio Paravicini

Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini Laboratorio Paravicini

 



Lascia un commento