fbpx

Copenhagen Wireless Speakers
Vifa + Kvadrat

3 giugno 2014

È dalla rivoluzione del walkman nei primi anni Ottanta che il mondo dell’acustica ha nella portabilità un suo punto di forza. Gli strumenti per l’ascolto del suono contemporanei, grazie alla tecnologia wireless, combinano sempre più questa funzione con l’idea di un accessorio non solo trasportabile, ma addirittura indossabile. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa è assimilabile addirittura a una borsa: la sua efficienza tecnica si coniuga a un’estetica decisamente accattivante che gioca anche con un fattore emozionale come quello del colore. I suoi sei speaker interni – garanzia di una resa del suono più da prodotto custom che di massa – sono rivestiti da un’elegante custodia in tessuto Kvadrat. La variabilità cromatica dei rivestimenti applicata a questo strumento di alta tecnologia crea inoltre una splendida sinergia tra due compagnie, che negli ultimi anni stanno tenendo alta la bandiera nazionale danese nel mondo del design.

Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa. Il nuovo speaker Copenhagen della compagnia danese Vifa.


Domitilla Dardi

Indecisa tra la storia dell’arte e quella dell’architettura, incontra alla fine del secolo scorso il design e da allora non lo molla più. Ama avere a che fare con tutto ciò che prevede l’uso di ingredienti, la loro scelta, miscelazione, trasformazione: dalla scrittura alla cucina, dalla maglia al progetto, dai profumi ai colori. È curatore per il design al MAXXI e docente di Storia del Design allo IED.


Lascia un commento