fbpx

Ray Mock
Banksy a New York

8 febbraio 2016

Tutto è cominciato il 1° ottobre 2013 a New York, tra la Allen e Grand Street, con lo stencil che raffigurava due bambini proletari, uno sulla schiena dell’altro, intenti a rubare la bomboletta da un cartello che “vietava” i graffiti. Nessuno poteva immaginare che si trattasse soltanto del primo di una serie di attacchi artistici del più noto, e paradossalmente più misterioso, street artist contemporaneo: Banksy. Di lui si sa solo che è nato a Bristol, e che da oltre un decennio è il fuoriclasse di questa forma d’arte squisitamente illegale. Quel giorno, e per tutto il mese, Banksy tornò a colpire nella Grande Mela, mettendo in atto una sorta di “residenza d’artista” per le strade, ma anche via Internet, con un profilo Instagram e un sito web finalizzati a diffondere un’operazione da lui chiamata Better Out Than In. In Banksy a New York, Ray Mock racconta quell’incredibile mese in presa diretta, scandendo la progressione degli eventi con le date e i luoghi di una molteplicità di interventi: sculture, marionette, musica, animali impagliati urlanti, attori in costume, allestimenti complessi e, ovviamente, stencil. Veterano della street art e cultore di Banksy, l’autore ci fa rivivere la frenetica caccia al tesoro che si scatenò per tutta New York e che trasformò fan e curiosi in veri e propri segugi. Grazie a un intuito investigativo e alle informazioni ricavate dai social network, Mock è riuscito infatti a documentarla tempestivamente, fotografando ogni pezzo prima che fosse deturpato, nascosto o rubato. Le cronache divertite che accompagnano il reportage ci svelano inoltre fatti sorprendenti sulle installazioni e sulle reazioni del pubblico. Lo stile narrativo, in equilibrio tra lo scoop e il diario, ci fa gustare appieno le tante trovate di questo artista globale, le sue argute osservazioni sulla cultura occidentale e sulle sue abitudini consumistiche, sempre in dialogo con la città di cui, almeno per un mese, si è letteralmente appropriato. Pubblicato da L’Ippocampo Edizioni.

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York

Banksy a New York


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento