fbpx

Lorne Hill House
Will Harkness Architecture

1 Settembre 2015

Nella sua compattezza, si staglia silenziosa tra la fitta macchia verde del promontorio di Lorne, lungo la Great Ocean Road australiana. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness, affacciata sull’oceano in direzione della Baia di Louttit. L’abitazione, a pianta quadrata disposta su due piani, rompe i classici schemi progettuali: le tre camere da letto sono posizionate al piano inferiore, mentre gli spazi living occupano il piano superiore per privilegiare la vista panoramica. Al pianterreno è stato ricavato un parcheggio coperto sottraendo volume all’edificio. Il taglio geometrico della costruzione è sottolineato dal rivestimento con lastre di finitura in fibrocemento color grigio. Per il tetto, il progettista ha scelto l’acciaio ondulato, che ben si sposa con l’acciaio zincato utilizzato per il balcone e le balaustre. I materiali sono stati selezionati accuratamente, con il passare del tempo subiranno modificazioni fisico-chimiche fondamentali per il processo di integrazione dell’edificio con il paesaggio circostante.

Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness. Lorne Hill House è una residenza estiva progettata dall’architetto Will Harkness.


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento