fbpx

LoftCube, Hotel Daniel, Graz
Studio Aisslinger

26 Gennaio 2015

L’idea è molto semplice e razionale, sfruttare gli ambienti verticalmente per ricavare nuovi spazi abitabili. Ci aveva già pensato lo studio di architettura milanese Park Associati firmando The Cube, ristorante itinerante voluto da Electrolux che ha sostato su importanti edifici europei: l’Arco di Trionfo nel Parco del Cinquantenario a Bruxelles, la Galleria Vittorio Emanuele in piazza Duomo a Milano, l’Opera reale svedese a Stoccolma e il Royal Festival Hall a Londra. A conquistare altri spazi aerei, stavolta in modo permanente, sono stati i tedeschi di Studio Aisslinger con il loro LoftCube, che fa capolino sul tetto dell’Hotel Daniel nella città di Graz, in Austria. Installato con una gru, l’attico prefabbricato svetta a 24 metri da terra offrendo una vista a 360 gradi sulla città e in particolar modo sulla Torre dell’orologio e la collina Schlossberg. LoftCube è una capsula di 44 metri quadri con finestre a tutta altezza e frangisole in legno. È dotata di ogni confort, tra cui un letto disegnato su misura, home theatre, lampada Arco dei fratelli Castiglioni, poltrone relax di Charles Eames, bagno con serra integrata e naturalmente una superficie outdoor per godere il panorama.

LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger.

LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger. LoftCube, Hotel Daniel, Graz. Design di Studio Aisslinger.



Lascia un commento