fbpx

House of Four Houses, Penafiel
PROD Architecture & Design

12 Ottobre 2015

Uno, due, tre, quattro. Quasi perfettamente simmetrici. Stiamo parlando di House of Four Houses, una casa vacanze nel nord del Portogallo, a Penafiel, definita da quattro volumi in legno che gravitano attorno a un nucleo centrale. Il progetto porta la firma di Paulo Carvalho e Susana Correia, fondatori di PROD Architecture & Design, e può ospitare una famiglia di quattro persone. La struttura è costituita da tre volumi ortogonali alla corsia centrale che li collega, mentre il quarto ruota rivolgendosi verso un edificio esistente. Il corridoio che mette in dialogo le quattro costruzioni è coperto da un tetto trasparente e segnato da finestre a tutta altezza. Il risultato è uno spazio ibrido privo di distinzione netta tra interno ed esterno (si ha quasi la sensazione di camminare su una distesa di foglie). La casa è disposta su tre piani ed è caratterizzata da coperture a capanna e da materiali locali come il granito, il pino naturale patinato e lo zinco. Al seminterrato sono presenti un garage, una cantina e una lavanderia; al pianterreno camere da letto, cucina, sala da pranzo e soggiorno, sopra al quale è stato pensato un soppalco con ufficio.

House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel. House of Four Houses, Penafiel.


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento