fbpx

Eyrie Houses, Nuova Zelanda
Cheshire Architects

18 Dicembre 2015

Sulla collina che domina Kaiwaka Harbour, l’estuario naturale che si estende per oltre 60 chilometri lungo la costa nord-occidentale della Nuova Zelanda, si elevano le due Eyrie Houses, residenze estive gemelle progettate da Cheshire Architects, studio di architettura e design con sede ad Auckland. Dopo un’ipotesi di posizionamento sulla cima, le due case sono state collocate sulla parte più bassa del pendio per diminuirne l’impatto visivo sul paesaggio. La loro architettura si ispira al rigore geometrico del pittore russo Kazimir Malevič: una struttura a parallelepipedo, tetti spioventi, ampie finestre sulle facciate in direzione della costa e dell’ambiente circostante. Separate soltanto da qualche metro di manto erboso, le Eyrie Houses sono entrambe rivestite con travi di legno bruciato e spazzolato a vista. Ma se l’aspetto esterno è speculare, ben differenziato è l’arredamento degli interni, che risponde alle esigenze dei due committenti: la prima è caratterizzata da pareti nero lucido e dettagli in ottone, mentre la seconda lascia spazio al legno in tutta la sua morbidezza visiva.

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda

Eyrie Houses, Nuova Zelanda


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento