fbpx

AA.VV.
Living Under the Sun

21 dicembre 2015

I Tropici come avamposto della progettazione architettonica, teatro ideale per sperimentare le più avanzate soluzioni ingegneristiche e tecnologiche, oltre che per mettere in scena le creazioni più spettacolari di arredatori e designer. Questa è la prima considerazione che si fa sfogliando le 304 pagine del volume Living Under the Sun. Tropical Interiors and Architecture, curato da Michelle Galindo, Robert Klanten, Sofia Borges e Sven Ehmann: una raccolta fotografica ragionata di case meravigliose costruite a latitudini tropicali. Dalle spiagge del Centro America alle giungle del Sud-Est asiatico, dal Brasile alla Thailandia, dall’America Latina all’Australia, una rassegna di ville, atelier e rifugi di lusso progettati da talenti internazionali. Tra gli altri: i brasiliani Paulo Mendes da Rocha, già vincitore del premio Pritzker, e Isay Weinfeld, gli australiani Klopper & Davis, i ciprioti Kythreotis Architects, gli indiani SPASM Design Architects o lo studio cileno Pezo von Ellrichshausen. Tutti gli edifici parlano di eccellenza costruttiva e inventiva. E se il fil rouge è sempre la simbiosi tra abitato e scenari naturali fuori dall’ordinario, le soluzioni non smettono mai di stupire, perché la volontà di mediare tra tradizione e innovazione risponde a fattori e stimoli sempre diversi. Forte, in tutti i progetti, è l’intenzione di adattare tecniche locali e di usare materiali autoctoni: come nella casa a Santo Domingo, firmata da Joaquín Torres di A-cero, rivestita di Coralina, una pietra estratta da barriere inattive e in grado di mantenere il fresco anche sotto il sole più intenso; o nella House Cast in Liquid Stone di SPASM, costruita con un composto di acqua, sabbia, cemento e una pietra basaltica locale che consente all’abitazione di mimetizzarsi nel paesaggio; o ancora nella Redux House, realizzata da Marcio Kogan dello Studio MK27 nella periferia di São Paulo, e strutturata attorno a un patio centrale che favorisce la ventilazione naturale, utilizzando materiali a chilometro zero: argilla per le tegole, legno per i soffitti e per i divisori degli ambienti interni. Tanti esempi virtuosi che ci parlano di quando l’architettura si mette al servizio del benessere e del vivere in armonia con la natura. Pubblicato da Gestalten.

Casa Altos De Trancoso, Trancoso, Brasile.

Casa Altos De Trancoso, Trancoso, Brasile.

Tepoztlán Lounge, Tepoztlán, Morelos, Messico.

Tepoztlán Lounge, Tepoztlán, Morelos, Messico.

Solo House, Cretas, Teruel, Spagna.

Solo House, Cretas, Teruel, Spagna.

Casa Meztitla, Tepoztlán, Messico.

Casa Meztitla, Tepoztlán, Messico.

Casa 7A, Cundinamarca, Colombia.

Casa 7A, Cundinamarca, Colombia.

Tan’s Garden Villa, Singapore.

Tan’s Garden Villa, Singapore.

Tropical Suburb House, Ho Chi Minh City, Vietnam.

Tropical Suburb House, Ho Chi Minh City, Vietnam.

Brillhart House, Miami (FL), USA.

Brillhart House, Miami (FL), USA.

Casa L, São Paulo, Brasile.

Casa L, São Paulo, Brasile.

AA.VV. Living Under the Sun


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento