fbpx

Vivian Maier
Self-Portraits

15 Gennaio 2014

Nel giro di qualche anno, Vivian Maier, “la fotografa-bambinaia”, è entrata nell’olimpo della fotografia contemporanea, accanto a nomi come Berenice Abbott o Diane Arbus. Morta in povertà a Chicago, i suoi rullini sono stati acquistati per caso dal filmmaker John Maloof che, per primo, ne ha scoperto l’eccezionalità. Ora, mentre il Jeu de Paume di Parigi le dedica una grande retrospettiva (fino al primo giugno 2014), la casa editrice Powerhouse pubblica Vivian Maier. Self-Portraits, una monografia incentrata sugli autoritratti inediti dell’artista. Qui, la fotografa mette in scena un caleidoscopio di possibilità visive, declinando se stessa in forme sempre nuove. Nell’anno del selfie, le opere di Vivian Maier appaiono come antecedenti illustri del genere. Così, lo specchio del parrucchiere, la vetrina impolverata di un negozio o perfino l’ombra che si riflette sull’erba compiono il tentativo di raccontare questa personalità multiforme, sempre in bilico fra poesia e malinconico stupore.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.

Vivian Maier, Self-Portraits.


Anna Lagorio

Giornalista, ama i pensieri bizzarri e le storie luminose, e ne scrive su diverse testate, fra cui D La repubblica delle donneWired e il domenicale del Sole 24 Ore. In passato, si è occupata di progetti di arte contemporanea per bambini. Nel tempo libero fa yoga, suona la fisarmonica e va al parco con la sua bambina.


Lascia un commento