fbpx

Torre Del Borgo, Villa d’Adda
CN10

23 ottobre 2015

Il restauro della Torre Del Borgo di Villa d’Adda, uno dei più noti edifici fortificati della bergamasca, è un esempio virtuoso di quella modalità di riutilizzo del patrimonio pre-esistente che fortunatamente va affermandosi sempre di più in Italia, come nel resto d’Europa. Siamo a 40 chilometri da Milano, nella zona di elezione progettuale di Gianluca Gelmini, che ha le sue radici proprio in questo territorio di cui conosce e apprezza anche i centri collinari minori, carichi di storia e tradizioni. Il complesso di Torre del Borgo risale al XII secolo e, dopo decenni di abbandono, è stato affidato allo studio CN10 di Gelmini che ne ha curato la trasformazione in biblioteca pubblica. L’architetto bergamasco ha adottato un atteggiamento “laico”, cioè profondamente rispettoso dell’ambiente e del luogo, ma pronto a “metterne in discussione, se necessario, la stessa ragion d’essere”. “Ciò non significa”, continua Gelmini, “rimanere indifferenti al contesto, ma capirne le più intime relazioni, comprenderne i caratteri, le forme e la materia, per operare una sintesi più o meno coerente con il programma iniziale”. Fedele a queste premesse, il progetto di recupero del sito ha puntato a unificare l’insieme dei corpi di fabbrica agendo su due fronti complementari: la ricerca di soluzioni a problemi di degrado strutturale, e la rilettura dell’intero complesso da un punto di vista architettonico, distributivo e funzionale. In sintonia con la propria filosofia progettuale, CN10 ha aggiunto pochi elementi, coerenti con la natura dell’edificio. Le quattro sale del torrione centrale sono state unite da un sistema di rampe e passerelle in ferro che richiamano le antiche scale a rampa unica. Tale scelta non altera la lettura e la fruibilità degli spazi interni ed è invisibile dall’esterno, mantenendo così inalterato il profilo storico della torre. Quest’elemento di raccordo confluisce poi in un nuovo volume su tre livelli destinato ai servizi, che è stato annesso alla parte storica e rivestito in rame: il contrasto materico con la pietra della facciata adiacente, che segna in un certo senso il cambio di destinazione formale, è smussato dalla scelta di linee essenziali in sintonia con quelle della torre. L’intervento sull’edificio storico altera ovviamente anche la prospettiva sulla piazza, che a breve sarà oggetto della seconda fase di lavori.

Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre Del Borgo, Villa d’Adda Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre del Borgo, Villa d'Adda. Torre Del Borgo, Villa d’Adda


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento