fbpx

The Pool, Australia
Biennale di Venezia

1 Settembre 2016

Una piscina di 60 mq per soli 30 cm di profondità, denominata semplicemente The Pool: è questo l’insolito progetto proposto dal Padiglione Australia alla Biennale di Architettura di Venezia, aperta fino al 27 novembre. È il pretesto – o meglio, la lente d’ingrandimento – per esplorare l’identità di un paese che alle antiche origini indigene ha sovrapposto la cultura occidentale, oggi diventata un melting pot: la piscina è infatti il simbolo di una terra in cui l’acqua ha un ruolo essenziale, che sia raccolta in strutture pubbliche o private o che compaia sotto forma di bacino naturale. Si parte quindi dalle pozze d’acqua vitali per le popolazioni aborigene, abituate alle zone desertiche dell’outback: spazi spirituali, ricettacoli ancestrali di memoria collettiva, luoghi permanenti o a volte temporanei e fragili. Ma le piscine sono anche quelle artificiali, circoscritte da bordi, argini e fondali: costruzioni che il mondo occidentale ha destinato ora alla ricreazione e allo sport, ora all’ornamento di giardini. La mostra – presentata dall’Australian Institute of Architects – è curata dallo studio Aileen Sage Architects (fondato da Amelia Sage Holliday e Isabelle Aileen Toland), insieme all’urbanista Michelle Tabet, francese di origine trapiantata a Sydney. In parallelo, viene proposto un interessante volume che raccoglie le riflessioni di otto noti personaggi australiani: i campioni olimpionici di nuoto Ian Thorpe e Shane Gould, il paleontologo Tim Flannery, i fashion designer di Romance Was Born, gli scrittori Anna Funder e Christos Tsiolkas, il musicista rock Paul Kelly e la curatrice di arte aborigena Hetti Perkins. Otto diverse storie che evidenziano i significati e l’impatto della piscina nella società australiana: ora mezzo di sopravvivenza in un territorio spietato, ora strumento di dominio sull’ambiente, ora luogo di contatto con la natura, ora spazio socialmente democratico e occasione per superare le divisioni razziali e culturali.

The Pool
A cura di Aileen Sage Architects
Padiglione Australia, 15. Mostra Internazionale di Architettura, Biennale di Venezia
28 maggio – 27 novembre

autralianpavilion-book-22

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.

The Pool, Padiglione Australia, Biennale di Architettura di Venezia, 2016.



Lascia un commento