fbpx

Garage Museum, Mosca
Rem Koolhaas

6 novembre 2015

Dopo l’inaugurazione della Fondazione Prada a Milano, Rem Koolhaas e OMA hanno ultimato un nuovo spazio per l’arte contemporanea, il Garage Museum of Contemporary Art di Mosca, aperto lo scorso giugno con otto progetti. Anche in questo caso, lo studio olandese ha riconvertito un affascinante edificio abbandonato, valorizzandone la struttura originaria. Il Garage Museum è la terza e definitiva sede del centro dell’imprenditrice e collezionista Dasha Zhukova. La prima era una ex rimessa per autobus degli anni Venti – da cui il nome Garage –, riprogettata da Konstantin Melnikov alla periferia nord di Mosca e attiva dal 2008. Nel 2012, Garage diventa un museo e si trasferisce a Gorky Park, in una sede temporanea realizzata da Shigeru Ban. Ed è sempre all’interno del parco che si trova la sede attuale, ricavata dal Vremena Goda, un ex ristorante costruito nel 1968, abbandonato dagli anni Novanta e che Koolhaas ricorda di aver visto, da giovane, durante un viaggio a Mosca. La struttura, a due livelli, si sviluppa su un’area di 5.400 metri quadri che conserva i tipici tratti dell’architettura sovietica: uno spazio sobrio in cemento armato, con uno scalone centrale e ampie decorazioni in piastrelle, mosaici e mattoni. L’idea forte è stata quella di mantenerlo com’era, rivestendone le pareti con una pelle di policarbonato alveolare traslucido a due strati: nell’intercapedine tra i due pannelli è stata installata buona parte degli impianti tecnici, lasciando così libera la superficie espositiva. La facciata sospesa a due metri dal terreno ristabilisce il legame visivo tra edificio originario e parco. Stessa funzione ha il portone d’ingresso – largo undici metri – che si solleva fino a far intravedere i due livelli della lobby. Una scala rossa di metallo consente di accedere al terrazzo. Zhukova si è rivolta a Koolhaas anche per i lavori del vicino Hexagon, un sito degli anni Venti, già sede di una delle più grandi sale cinematografiche di tutta Europa, acquistato dall’imprenditrice insieme al compagno, il magnate russo Roman Abramovič.

Garage Museum, Mosca.

Foto: John Paul Pacelli.

Garage Museum in Gorky Park, arch. Rem Koolhaas, 2015.

Foto: Yuri Palmin.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.

Garage Museum, Mosca.

Foto: John Paul Pacelli.

Garage Museum, Mosca.

Foto: John Paul Pacelli.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Timur Shabaev.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.

Garage Museum, Mosca.

Foto: Vasily Babourov.


Loredana Mascheroni

Giornalista, pratica il design da sempre. Appassionata di arte contemporanea e architettura, lavora a Domus dal 1997 dopo un apprendistato decennale in riviste di settore e un esordio come giornalista TV che le ha lasciato un debole per le video interviste. Fa yoga e corre, per sciogliere le tensioni da tablet.


Lascia un commento