Progetto autarchico
nel deserto del Mojave

23 luglio 2013

L’architetto-muratore-falegname-elettricista-idraulico Aaron D’Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto del Mojave, in California. La costruzione è integrata perfettamente nel territorio, è energeticamente autosufficiente e ventilata naturalmente: non ha nessun impianto di aria condizionata, né di riscaldamento. I materiali usati sono rigorosamente locali, e praticamente tutti gli elementi che la compongono, dalla struttura agli impianti all’arredamento, sono stati ideati e costruiti su misura dallo stesso D’Innocenzo, che ha impegnato 8 anni nella realizzazione del suo progetto. Autarchico.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Aaron D'Innocenzo ha progettato e costruito interamente da solo la sua abitazione, nel deserto Mojave, in California.

Segui Roberta Mutti su , Facebook, Twitter.


Roberta Mutti

Sta a cavallo fra l’Italia, il Belgio e il Sud Est Asiatico, e a volte cade. A chi le chiede di cosa si occupa, risponde: faccio cose, vedo gente. Scrive di “mobiletti” da vent’anni e non si è ancora stancata, nonostante tutto. Tempo libero non ne ha, e nemmeno le interessa. Le basta non dover andare nello stesso ufficio tutti i giorni. Frequenta persone improbabili, e collabora a Klat per questo.


Lascia un commento