fbpx

Yves Saint Laurent
Style is Eternal

3 aprile 2015

Yves Henri Donat Mathieu-Saint-Laurent, noto come Yves Saint Laurent, amava la Recherche. Il suo amore per Proust si spingeva a tal punto che, nel 1983, con il compagno Pierre Bergé, socio in affari, acquistò Château Gabriel, il castello in cui Marcel conobbe Gaston Gallimard, suo futuro editore. Sulla porta della camera da letto di Yves, una placca dorata riporta in lettere corsive il nome di Charles Swann. Il rapporto privilegiato e malinconico di Yves con i luoghi fuori dal tempo è evocato nel castello monumentale e fiabesco che ospita la mostra Yves Saint Laurent: Style is Eternal, sede del Bowes Museum. Il contrasto armonico del fortilizio alla francese immerso nella campagna pittoresca inglese anticipa una delle peculiarità del lavoro di YSL, teso a uno stile immortale invischiato nei capricci del gusto. Una tensione di cui doveva essere consapevole, se uno dei suoi più grandi desideri era quello di modellare un capolavoro con la materia evanescente della moda. Nel 1965 prova a rubare un fuocherello di eternità all’arte, con la collezione Mondrian. Ma non c’è alcun bisogno di rubare, perché il gesto è artistico e filosofico insieme, con al posto delle Campbell’s Soup una tela di Mondrian, abbassata a motivo decorativo. Gli abitini blu, rossi, bianchi e gialli, a forma di trapezio, si aggirano per le strade di Parigi come musei mobili. Ironia suprema per un modello che Harper’s Bazaar aveva definito “l’abito del futuro”, e che di lì a poco circolerà per strada in migliaia di copie scadenti. Yves Saint Laurent odiava la borghesia, sarebbe rinato beatnik e voleva vestire proprio tutti, stanco di “disegnare per milionari impassibili”. Così nasce Saint Laurent Rive Gauche, prima boutique di pronto moda sulla sponda bohémienne della Senna. Grazie a lui, la strada diventa esotica come l’Africa, il mare e il fronte: la tunica safari, il caban, il trench, lo smoking femminile. “La cosa più importante è durare”, aveva confessato a Christian Lacroix nel 1971, la notte del Ballo di Proust organizzato dai Rothschild. Lui non avrebbe potuto. I suoi abiti per fortuna ci sono riusciti e alcuni – 50 per l’esattezza – si potranno ammirare nelle stanze di vetro del Bowes Museum.

Yves Saint Laurent: Style is Eternal
The Bowes Museum
In collaborazione con la Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent
Barnard Castle, Durham
11 luglio – 25 ottobre 2015

Portrait of Yves Saint Laurent, 1964. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Maurice Hogenboom.

Yves Saint Laurent, 1964. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Maurice Hogenboom.

Yves Saint Laurent, short evening ensemble. Fall-Winter 1988. Tribute to Vincent van Gogh.

Short evening ensemble. Tribute to Vincent van Gogh. Haute couture collection, Fall-Winter 1988. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Yves Saint Laurent, short evening dress. Fall-Winter 1970.

Short evening dress. Haute couture collection Fall-Winter 1970. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Yves Saint Laurent, short cocktail dress, Fall-Winter 1965. Tribute to Piet Mondrian.

Short cocktail dress. Tribute to Piet Mondrian. Haute couture collection, Fall-Winter 1965. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Pantsuit. Haute couture collection Spring-Summer 1967. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Pantsuit. Haute couture collection Spring-Summer 1967. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Long evening ensemble. Tribute to Pablo Picasso. Haute couture collection Fall-Winter 1979. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Long evening ensemble. Tribute to Pablo Picasso. Haute couture collection Fall-Winter 1979. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Long evening ensemble. Haute couture collection Fall-Winter 1978. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Long evening ensemble. Haute couture collection Fall-Winter 1978. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Alexandre Guirkinger.

Evening outfit inspired by Cubist movement. Tribute to Georges Braque. Haute couture collection Spring-Summer 1988. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Sophie Carre.

Evening outfit inspired by Cubist movement. Tribute to Georges Braque. Haute couture collection Spring-Summer 1988. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Sophie Carre.

Yves Saint Laurent, Cocktail dress, Fall-Winter 1966. Inspired by Pop Art.

Cocktail dress inspired by Pop Art. Haute couture collection Fall-Winter 1966. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Sophie Carre.

Yves Saint Laurent, Cocktail dress. Fall-Winter 1966. Inspired by Pop Art.

Cocktail dress inspired by Pop Art. Haute couture collection Fall-Winter 1966. © Fondation Pierre Bergé – Yves Saint Laurent / Sophie Carre.


Silvia Vacirca

Scrive di moda per FlairPIZZAdigitaleRivista StudioVestoj. Insegna Fashion & Media alla Richmond University in Rome. Ama le parole e il tiramisù.


Lascia un commento