fbpx

Beppe Giacobbe
Visionary Dictionary

28 Gennaio 2014

Visionary Dictionary: Beppe Giacobbe from A to Z è uno di quei libri da cui è difficile staccarsi. Gustata una pagina, non si può fare a meno di passare a quella successiva per lasciarsi incantare da una nuova folgorazione visiva. Le illustrazioni di Beppe Giacobbe hanno la forza degli haiku, vanno dritte all’essenza delle cose. Nelle sue tavole, l’atmosfera è rarefatta (dentro c’è Carrà, ma anche la Metafisica, il Surrealismo e la lezione di Saul Steinberg). Il tratto è pulito, la palette oscilla fra il verde bosco, l’azzurro polvere, le mille tonalità del sabbia. Il risultato è un universo fatto di tazze da tè dove nuotano piccoli coccodrilli, ritratti di famiglia su un piatto (con tanto di forchetta e coltello per gustare i “deliziosi parenti”), divani di filo spinato, valigie fatte di nuvole, scrivanie che contengono montagne incantate. Il volume, organizzato proprio come un dizionario visivo, accoglie i contributi di amici e collaboratori. Fra questi, lo scrittore Edgardo Franzosini ripercorre la loro infanzia, trascorsa nel quartiere di Porta Venezia, a Milano, “un posto popolare, dove le prostitute battevano in ciabatte”. Pubblicato da Lazy Dog.

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

Beppe Giacobbe

beppe giacobbe


Anna Lagorio

Giornalista, ama i pensieri bizzarri e le storie luminose, e ne scrive su diverse testate, fra cui D La repubblica delle donneWired e il domenicale del Sole 24 Ore. In passato, si è occupata di progetti di arte contemporanea per bambini. Nel tempo libero fa yoga, suona la fisarmonica e va al parco con la sua bambina.


Lascia un commento