fbpx

Keith Lovegrove
Airline: Style at 30,000 Feet

18 Dicembre 2013

Un tempo, viaggiare in aereo significava catapultarsi in un mondo parallelo, caratterizzato da un’atmosfera rarefatta ed elegante. Le hostess indossavano abiti di grandi stilisti (come Emilio Pucci, Mary Quant, Pierre Balmain), mentre gli steward accoglievano gli ospiti in smoking bianco. Il loro sorriso era il biglietto da visita della compagnia. Il volo doveva essere un’esperienza da sogno, da ripetersi il più spesso possibile. L’interior design rifletteva i valori della società: le tovaglie per il pranzo erano di seta, i calici di cristallo, i vassoi assemblati con attenzione maniacale. Ogni aspetto era curato nei minimi dettagli. A questo tema, lo scrittore e designer Keith Lovegrove ha dedicato un libro dal titolo Airline: Style at 30,000 Feet. Suddiviso in quattro sezioni (Fashion, Interior, Food, Identity), il volume analizza l’evoluzione del design in volo dagli anni Venti ai primi anni Duemila, attraverso documenti d’epoca, fotografie, poster, brochure. Il risultato è un omaggio al grande stile del passato. Nostalgico. Croce e delizia per gli habitué forzati del volo low cost. Pubblicato da Laurence King Publishing.

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove

Airline: Style at 30,000 Feet di Keith Lovegrove


Anna Lagorio

Giornalista, ama i pensieri bizzarri e le storie luminose, e ne scrive su diverse testate, fra cui D La repubblica delle donneWired e il domenicale del Sole 24 Ore. In passato, si è occupata di progetti di arte contemporanea per bambini. Nel tempo libero fa yoga, suona la fisarmonica e va al parco con la sua bambina.


Lascia un commento