Otter Surfboards
A Lifetime of Waves

20 marzo 2017

Rispettare l’ambiente è una cosa seria, non è soltanto un imperativo culturale. Lo sa bene chi ama cavalcare le onde del mare. L’universo del surf vanta da sempre un rapporto privilegiato con la natura: proteggere l’oceano è una sorta di missione che si è sviluppata nel tempo in modo direttamente proporzionale all’aumento del rischio ecologico. Negli ultimi anni l’industria surfistica ha fatto decisi passi avanti in tal senso, sostituendo derivati notoriamente tossici, come il poliuretano e la vetroresina, con prodotti sostenibili come il legno, le bioresine e le alghe, senza sacrificare le prestazioni e tenendo sotto controllo i costi di produzione. Esemplare è il caso di Otter Surfboards, che ha fatto della sostenibilità il proprio cavallo di battaglia. Da una decina d’anni produce con grande dedizione tavole da surf ispirandosi ai metodi impiegati per i primi modelli di manifattura hawaiana. Nel suo laboratorio a Truro, cittadina a nord della Cornovaglia, il surfer, shaper e fondatore James Otter realizza tavole artigianali in legno a basso a impatto ambientale mettendo insieme materiali e tecniche tradizionali con soluzioni costruttive e finiture avanzate. Il legno destinato alla lavorazione è il cedro rosso, selezionato da Otter Surfboards per la sua leggerezza e resistenza all’acqua salata – cedro che proviene da una foresta rigenerata che si trova a sud-ovest dell’Inghilterra. E per diffondere il verbo, James Otter, affiancato dal suo team, organizza workshop di cinque giorni dove insegna a costruire autonomamente la propria tavola, passo dopo passo: scelta del materiale, creazione del template, taglio della sagoma, finitura.

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards

Otter Surfboards


Alessandro Mitola

Ha studiato per diventare copywriter, poi ha cambiato idea. Scrive di design e fotografia per PIZZA Magazine e nel 2012 fonda Atypical, marchio indipendente di tavole da skateboard artigianali ispirate alla produzione degli anni Sessanta e Settanta. Quando viaggia, non dimentica mai la sua macchina fotografica.


Lascia un commento