Lampada Eclisse, Artemide
Vico Magistretti

12 febbraio 2014

Eclisse, la Luna in una stanza. È la sfida di Vico Magistretti, architetto di formazione razionalista. Una sfida vinta grazie a una composizione essenziale di figure geometriche. Più precisamente, un’unica semisfera ripetuta tre volte: due verticali, che scorrono su un perno centrale, l’una nell’altra, e una terza orizzontale che funziona da base. L’immagine è quella delle fasi lunari: dalla sfera piena all’eclissi totale, passando per gli spicchi intermedi. D’altra parte, sono gli anni in cui si parla di viaggi spaziali e l’uomo sogna allunaggi fantastici. I designer rispondono con interni liberi da pareti, con open space in cui le funzioni dell’abitare sono delegate a oggetti e arredi, e non più a intere stanze. E il sogno di una piccola luce che guida i movimenti liberi dell’abitare diventa realtà, nel 1966. Come l’uomo sulla Luna, tre anni dopo. Produzione: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Fondazione Studio Museo Vico Magistretti.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Fondazione Studio Museo Vico Magistretti.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Fondazione Studio Museo Vico Magistretti.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Artemide.

Eclisse di Vico Magistretti per Artemide

Courtesy: Fondazione Studio Museo Vico Magistretti.


Domitilla Dardi

Indecisa tra la storia dell’arte e quella dell’architettura, incontra alla fine del secolo scorso il design e da allora non lo molla più. Ama avere a che fare con tutto ciò che prevede l’uso di ingredienti, la loro scelta, miscelazione, trasformazione: dalla scrittura alla cucina, dalla maglia al progetto, dai profumi ai colori. È curatore per il design al MAXXI e docente di Storia del Design allo IED.


Lascia un commento